play_arrow

keyboard_arrow_right

Listeners:

Top listeners:

skip_previous play_arrow skip_next
00:00 00:00
playlist_play chevron_left
volume_up
chevron_left
  • cover play_arrow

    Radio Centro Idea Live

  • cover play_arrow

    La stanza del nonno (superspecialedition) Enrico Di Troia (EDIT)

L'altro sport

Vinciamo la DAVIS 47 anni dopo la prima

todayNovembre 27, 2023 16

Sfondo
share close

Serviva Sinner per riportarci nell’Olimpo del Mondo di uno sport, diciamocelo, molto meno popolare del Calcio. Se non altro per il tipo di tesserati che frequentano questo bellissimo sport. Era ed è uno sport d’elite, individuale , dove se non hai un circolo non impari, non giochi. Però Yannick Sinner ci ha riportati tutti, non alla famosa coppa vinta (fra tante polemiche) in Cile, ma alla realtà di un Italia che – nel giorno del bis di Bagnaia in moto GP – non è solo quella esclusa dai mondiali di Calcio.

Photo LiveMedia/Andrea Rosito Malaga, Spain, Image shows:
Jannik Sinner and Lorenzo Sonego

Tutto questo per dire che da due settimane almeno stiamo seguendo le gesta di un sud tirolese che qualcuno ha anche additato di non essere italiano.. Ma il suo linguaggio forbito, attento e colto proprio in questi giorni ce lo fanno amare come l’immagine di un bravo ragazzo cresciuto in una bella e sana famiglia. Nato a San Candido non poteva che mettersi prima gli sci ai piedi prima di prendere in mano la racchetta, quella stessa che oggi ha fatto chiudere il discorso con la bestia nera Australia dopo essersi sbarazzato per due volte ieri (la seconda epica) del numero UNO al mondo. Quel Djokovic  che lo aveva alla fine battuto alla finale ATP di Torino.

Ma oggi si è preso la rivincita anche Matteo Arnaldi che – battendo al terzo set Alexei Popyrin – aveva già compiuto quella mezza impresa che ha spianato la strada per alzare il Trofeo in quel di Malaga.

Il successo infine non può che essere di tutta la federazione, dal capitano/allenatore Volandri che ha saputo selezionare per la nuova nazionale un gruppo di ragazzi eccezionali, da Sonego a Musetti, Bolelli, Arnaldi, che oggi hanno ricevuto la visita a sorpresa di Matteo Berretini ed alla fine hanno alzato la coppa insieme al capitano dell’Italia che fu.. Nicola Pietrangeli sugli spalti, per l’occasione UNICA ma speriamo non più sola.

Massimiliano Montenz

Scritto da: Massimiliano Montenz

Rate it

Commenti post (0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

0%