play_arrow

keyboard_arrow_right

Listeners:

Top listeners:

skip_previous play_arrow skip_next
00:00 00:00
playlist_play chevron_left
volume_up
chevron_left
  • cover play_arrow

    Radio Centro Idea Live

  • cover play_arrow

    Fabrizio la Monica è il protagonista di Rackonti numero 21 Ronnie Abeille

Ultima Evidenza-3

Saluto romano ad Acca Larentia: il caso finisce in Aula

todayGennaio 9, 2024 17

Sfondo
share close

In occasione del 43° anniversario della strage di Acca Larentia, per ricordare Franco Bigonzetti, Francesco Ciavatta e Stefano Recchioni, i tre giovani morti il 7 gennaio 1978 durante gli scontri nel quartiere Tuscolano (una delle pagine più tragiche degli anni di piombo), a Roma sono state organizzate diverse iniziative, tra cui un raduno organizzato da CasaPound davanti all’ex sede dell’MSI che ha visto centinaia di persone schierate davanti alla targa commemorativa con il braccio teso tipico del saluto romano al grido «presente!».

Sui social la segretaria del Pd, Elly Schlein, ha così commentato: «Roma, 7 gennaio 2024. E sembra il 1924. Presenteremo un’interrogazione al ministro Piantedosi, quel che è accaduto non è accettabile. Le organizzazioni neofasciste vanno sciolte, come dice la Costituzione».

Intanto è stata trasmessa in Procura una prima informativa in relazione a quanto avvenuto: la Digos avrebbe già identificato alcuni partecipanti; gli inquirenti sono al lavoro sui filmati che hanno immortalato la commemorazione.

Domani pomeriggio la Schlein, durante il question time alla Camera, chiederà al ministro degli Interni Piantedosi di riferire in tema di fenomeni di fascismo che non vengono contrastati dal governo.

«In Europa non c’è posto per il saluto fascista e noi lo condanniamo con la massima fermezza»: questo il commento alle immagini del raduno neofascista da parte del leader del Ppe Manfred Weber.

Intanto Giovanni Donzelli di FdI così controbatte: «La mitraglietta che ha sparato ad Acca Larentia è stata ritrovata anni dopo in un covo delle Br ed è stato riconosciuto che ha sparato a tre persone, tra cui anche l’ex sindaco di Firenze Lando Conti. Se in quegli anni, anziché dare la colpa a surreali faide interne tra fascisti, si fosse indagato, forse avremmo risparmiato all’Italia degli omicidi drammatici delle Brigate rosse. Riflettiamo su questo prima che su duecento imbecilli che fanno il saluto romano, utili solo alla sinistra».

[Fonti: Il Sole 24 Ore, Il Fatto Quotidiano, Corriere della Sera]


Fonte immagine in evidenza: https://it.wikipedia.org/wiki/File:Strage_di_Acca_Larentia.png


 

Scritto da: Skatèna

Rate it

Commenti post (0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

0%