play_arrow

keyboard_arrow_right

Listeners:

Top listeners:

skip_previous play_arrow skip_next
00:00 00:00
playlist_play chevron_left
volume_up
chevron_left
  • cover play_arrow

    Radio Centro Idea Live

  • cover play_arrow

    Rackonti 22^ episodio Ronnie Abeille

Musica in primo piano

Patti Smith: compie 77 anni la “Sacerdotessa del Rock” dalla personalità magnetica

todayDicembre 30, 2023 16

Sfondo
share close
77 anni oggi per la “Sacerdotessa del Rock” dalla personalità magnetica Patti Smith.
Le rendo omaggio mentre ascolto “Rock’n’Roll Nigger”, uno dei suoi pezzi più incazzati, incisivi ed energici in cui non solo è racchiusa una rivendicazione di diversità, ma sono celebrati in un’unica strofa Jimi Hendrix, Jackson Pollock e Gesù Cristo:
“Jimi Hendrix was a nigger. Jesus Christ and Grandma, too. Jackson Pollock was a nigger. Nigger, nigger, nigger, nigger!”.

 

Sesta traccia di Easter, il suo terzo album pubblicato per la Arista Records il 3 marzo del 1978, “Rock’n’roll Nigger” venne scritta con Lenny Kaye.

Con essa Patti definì al meglio il suo pensiero filosofico, il cui cardine è l’essere “nigger”, termine che letteralmente significa “negro”, ma che qui viene inteso nel senso di diverso, disadattato, fuori dalla società: un’auto-emarginazione come scelta e stile di vita.
I was lost, and the cost,
And the cost didn’t matter to me.
I was lost, and the cost
Was to be outside society…
Nelle note di copertina di Easter, Patti Smith scrisse all’epoca:
Nigger  non è stata scelta per il colore (della pelle) […]. La parola […] deve essere ridefinita: tutti i mutanti e i neonati nati senza sopracciglia e tonsille… ogni uomo che si estende oltre la forma classica è un negro”.
Patti Smith ha molte volte difeso e spiegato la canzone, come ha fatto ad esempio in un’intervista del 1996 a Rolling Stone:
Avresti potuto chiamare Michelangelo e Leonardo da Vinci un nigger, persone che creavano arte per il palazzo ma dovevano entrare dalla porta di servizioA Beethoven non era permesso entrare dalla porta principale del palazzo“.
E pensare che l’anno scorso, di questi tempi, Rock’n’Roll Nigger venne rimossa dalle piattaforme di streaming, senza darne alcun annuncio, a causa della presenza nel testo della parola nigger. Non possiamo fare a meno di chiederci allora: ma è possibile che qualcuno sia così ottuso e integralista, da pensare che un brano come questo, che dice esattamente l’opposto di ogni concezione razzista, debba essere cancellato dalle piattaforme musicali, e non debba essere ascoltato?
—-.
Fonte immagine in evidenza: Patti Smith @ Winterland, San Francisco 1978. | My old negat… | Flickr
Scarica questa immagine su: Flickr | Dettagli licenza
Autore: Steve Harlow
—–

Scritto da: Skatèna

Rate it

Commenti post (0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

0%