play_arrow

keyboard_arrow_right

Listeners:

Top listeners:

skip_previous play_arrow skip_next
00:00 00:00
playlist_play chevron_left
volume_up
chevron_left
  • cover play_arrow

    Radio Centro Idea Live

  • cover play_arrow

    Rackonti 22^ episodio Ronnie Abeille

Musica in primo piano

IRON MAIDEN: compie 36 anni “Seventh Son Of A Seventh Son”

todayAprile 11, 2024 18 1

Sfondo
share close

« Seven deadly sins
Seven ways to win
Seven holy paths to Hell
And your trip begins
Seven downward slopes
Seven bloody hopes
Seven are your burning fires
Seven your desires… »

11 aprile 1988: esce il settimo lavoro in studio degli Iron Maiden, Seventh Son of a Seventh Son.

Concept incentrato su tematiche quali il bene e il male, misticismo, reincarnazioni e aldilà, il cui filo conduttore è la nascita, la vita e la morte di un profeta, Seventh Son of a Seventh Son ha sonorità che riportano al progressive rock: basti pensare alla presenza, in molte track, di lunghi accompagnamenti di tastiere e di chitarre synth, elementi che furono malvisti all’epoca dai ‘maideniani’ più convinti, in quanto costituivano un allontanamento dal vero spirito dell’heavy metal.

Il disco, che si apre e si chiude con un monologo di Bruce Dickinson recitato nei brani “Moonchild” e “Only the Good Die Young“, riscosse un enorme successo internazionale, e i singoli “Can I Play with Madness” e “The Evil That Men Do” ricevettero molto spazio nelle emittenti radiotelevisive.

Scritto da: Skatèna

Rate it

Commenti post (0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

0%