play_arrow

keyboard_arrow_right

Listeners:

Top listeners:

skip_previous play_arrow skip_next
00:00 00:00
playlist_play chevron_left
volume_up
chevron_left
  • cover play_arrow

    Radio Centro Idea Live

  • cover play_arrow

    Fabrizio la Monica è il protagonista di Rackonti numero 21 Ronnie Abeille

Ultima Evidenza-3

In Medio Oriente il Natale è di sangue e “senza tregua”

todayDicembre 24, 2023 26

Sfondo
share close

Netanyahu ha ringraziato Biden per la posizione assunta dal suo Paese nel Consiglio di sicurezza dell’ONU, che ha adottato una risoluzione per rafforzare l’ingresso “immediato” e “su larga scala” di aiuti umanitari a Gaza che non richieda però un cessate il fuoco nella guerra contro Hamas.

Israele continuerà la guerra finché tutti i suoi obiettivi non saranno raggiunti“: queste le parole proferite dal primo ministro israeliano durante un recente colloquio telefonico avuto con il presidente americano. Ciò significa che la guerra non finirà, e che Israele continuerà a perseguire i suoi obiettivi, ovvero la distruzione di Hamas e il rilascio degli ostaggi tenuti prigionieri nella Striscia dal gruppo islamico.

Per Biden è quanto mai necessario  proteggere la popolazione civile di Gaza e gli operatori umanitari, facilitando la loro partenza dalle aree di combattimento.

Intanto Hamas afferma che sono più di 200 i palestinesi che sono stati uccisi nelle ultime 24 ore in diverse località della Striscia di Gaza per gli incessanti bombardamenti israeliani e durante le operazioni di terra.

Secondo il Ministero della Sanità di Hamas, gli attentati di ritorsione israeliani a Gaza hanno provocato 20.258 morti, soprattutto donne e bambini, e oltre 53.000 feriti. Ma per Israele si è trattato dell’uccisione di “terroristi armati” a Gaza City e di aver distrutto “edifici utilizzati come siti militari”.

L’ingresso degli aiuti umanitari a Gaza è controllato da Israele: essi arrivano per lo più dall’Egitto e dal posto di frontiera israeliano di Kerem Shalom, ma secondo le Nazioni Unite sono ben al di sotto degli immensi bisogni di circa 2,2 milioni di abitanti di questo piccolo territorio minacciato dalla carestia.

Per il Natale, le autorità religiose di Betlemme, ove secondo la tradizione cristiana è nato Gesù, hanno rinunciato a qualsiasi celebrazione in solidarietà con i palestinesi della Striscia di Gaza.

[Fonte: AGI]


Fonte immagine in evidenza: Tra Cielo e Terra – Una finestra aperta sulle religioni mondiali a cura di Fausto Gasparroni

Copyright: Romain Guy

Scritto da: Skatèna

Rate it

Commenti post (0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

0%