play_arrow

keyboard_arrow_right

Listeners:

Top listeners:

skip_previous play_arrow skip_next
00:00 00:00
playlist_play chevron_left
volume_up
chevron_left
  • cover play_arrow

    Radio Centro Idea Live

  • cover play_arrow

    MATHAL DUO, l'intervista a Radio-Attivo per Electric Duo Project a Villa Ada Fest Massimiliano Montenz

Musica in primo piano

Esce il nuovo album di DonGocò: benvenuti nel mio SudConscio

todayMaggio 28, 2024 14

Sfondo
share close

SudConscio” è il nuovo album di DonGocò, disponibile da venerdì 24 maggio in tutte le piattaforme digitali.

A tre anni dall’ultimo lavoro solista “Pezzi di me”, il rapper calabrese membro del collettivo Keepalata torna con un concept dal contenuto complesso.

Un lavoro che si sviluppa dentro ai contorni del mondo rap, ma spesso evade verso momenti cantautorali, sonorità talvolta molto lontane dalla black music, tracce cantate, uso del dialetto e molti strumenti suonati che si integrano con le produzioni di LibberàMastro FabbroFraniko CalaveraErma e Pietro Squoti.

Come spiega lo stesso artista:

SudConscio è un disco presuntuoso”.

Inusuale per eterogeneità e durata, può essere assimilato a un concept dove il protagonista psicanalizza se stesso e il mondo che lo circonda.

E continua:

la musica di SudConscio esce direttamente dalla cassa, dalla cassa toracica”.

Un mondo sincero e variegato quello di SudConscio, così come lo è il Subconscio, così com’è il Sud.

Diverse possibilità espressive si muovono ed emergono dalla profondità. Ambienti e ritmi molto diversi che convivono e caratterizzano lo stesso luogo, che solo così può essere pienamente rappresentato. Riuscire ad essere quanto più “simili a sé” è la cosa più difficile e preziosa nell’esperienza umana. Così DonGocò tiene il timone del rap e del cantautorato, mescola la psicoanalisi all’improvvisazione, filtrando quei retaggi culturali e più in generale quelli del Meridione. Un album che può disorientare per la varietà musicale che lo compone, un percorso dove il suo stesso protagonista si perde. E forse si ritrova elaborando in modo personale questa spirale di suoni, storie e suggestioni profonde.

Il mondo dell’Hip-Hop dove affondano le sue radici è rappresentato da brani come “MHDDC”, “Paura”, “Ci Resto” “Babelfish” e dai featuring di Kento, Brigante, Suono BDJ DimaAkuUsiku e DJ Kerò.

L’influenza del cantautorato italiano ha portato alla genesi di brani come “Gioco”, “Affissione abusiva” e “Sta lì”, Mentre il brano “Il genio” nasce da tecniche di scrittura creativa.

Il “Ritmo con segni”, metodo di conduction per l’improvvisazione musicale, che utilizza con il collettivo Play the ritmo è lo strumento con cui ha costruito “Ti canusciu cirasu”.

Spazio alle sonorità latin in “Fermo” e “GuateMaya”, con la presenza dei musicisti La Reina del Fomento e Franiko Calavera, entrambi membri delle formazioni Los3saltos e Istituto Italiano di Cumbia. La semplicità delle parole e la passione per il teatro canzone si cristallizzano negli skit in prosa come “Il vuoto”, “Saper esitare”, “Patuto”, e il monologo “L’aquila”.

Scritto da: Skatèna

Rate it

Commenti post (0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

0%