play_arrow

keyboard_arrow_right

Listeners:

Top listeners:

skip_previous play_arrow skip_next
00:00 00:00
playlist_play chevron_left
volume_up
chevron_left
  • cover play_arrow

    Radio Centro Idea Live

  • cover play_arrow

    Rackonti 22^ episodio Ronnie Abeille

Musica in primo piano

Depeche Mode: i 34 anni di Violator

todayMarzo 19, 2024 15

Sfondo
share close
All I ever wanted All I ever needed Is here in my arms Words are very unnecessary They can only do harm

Violator, il settimo album dei Depeche Mode, compie 34 anni.

 

Pubblicato il 19 marzo 1990 dalla Mute Records in Gran Bretagna e dalla Sire Records negli Stati Uniti, è il disco che lanciò definitivamente Dave Gahan e soci nell’Olimpo delle star del rock internazionale, grazie soprattutto ai singoli Personal Jesus e Enjoy the Silence.

 

Registrato tra Milano, New York, Londra ed infine Gjerlev, un piccolo paese della Danimarca, il disco, co-prodotto dai Depeche Mode e da Flood, è stato il loro più grande successo commerciale, divenendo uno dei migliori album degli anni Novanta.

Surfando tra sonorità blues, dark, new wave ed electro, i “massimi eredi dei Kraftwerk hanno fatto sì che Violator si ponesse come il coronamento della loro carriera musicale, riuscendo a realizzare con esso una “compenetrazione totale tra elettronica e strumenti ‘suonati’ (principalmente chitarre), talmente capillare da non permettere quasi di distinguere dove iniziasse il lavoro del computer e dove finisse l’intervento del musicista” (fonte: Storia della Musica) e a dettar legge per la dance e la house music così tanto in voga all’epoca.

Scritto da: Skatèna

Rate it

Commenti post (0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

0%