play_arrow

keyboard_arrow_right

Listeners:

Top listeners:

skip_previous play_arrow skip_next
00:00 00:00
playlist_play chevron_left
volume_up
chevron_left
  • cover play_arrow

    Radio Centro Idea Live

  • cover play_arrow

    non smorza' abbassa 28-5-24 Riccardo Mameli

In evidenza

A Milano una mostra cross-mediale di Michael Stipe, tra fotografie, sculture e opere audio

todayDicembre 4, 2023 14

Sfondo
share close

Il 12 dicembre a Milano sarà inaugurata una mostra di Michael Stipe, artista visivo poliedrico e iconico leader dei R.E.M., band che ha guidato per ben 31 anni, vendendo oltre 100 milioni di dischi e facendo tournée in tutto il mondo, ma anche produttore cinematografico, con oltre 25 lungometraggi all’attivo, tra cui Essere John Malkovich di Spike Jonze e Velvet Goldmine di Todd Haynes.

L’esposizione, dal titolo I Have Lost and I Have Been Lost but for Now I’m Flying High, si svolgerà presso la Fondazione ICA Milano dove resterà fino al 16 marzo 2024.

Opening

Martedì 12 dicembre 2023, dalle 18.00 alle 21.00 su prenotazione.

Le prenotazioni per l’accesso all’opening pubblico sono attive da lunedì 13 novembre 2023 fino a esaurimento posti al seguente link: https://link.dice.fm/Uc92792cf623

  • Il progetto espositivo ha nel ritratto il fulcro della sua ricerca, interpretato attraverso un ampio ventaglio di linguaggi espressivi che spaziano dalle fotografie a copertine di libri, dalle ceramiche alle sculture e alle opere audio. In mostra alla Fondazione ICA Milano una selezione di opere inedite che tracciano un percorso nella produzione artistica di Michael Stipe, offrendo una riflessione originale che intreccia i concetti di omaggio e vulnerabilità. Il titolo della mostra evoca una dichiarazione dell’artista che identifica nella vulnerabilità una vera e propria forza propulsiva. A partire dalla dimensione caotica che connota la nostra contemporaneità, la vulnerabilità diventa per Stipe una presenza da accogliere, custodire e impiegare come strumento per trovare nuove strade da intraprendere. La potenza insita nella vulnerabilità emerge nella mostra dalla lettura e interpretazione della poesia Desiderata di Max Ehrmann (1927), nella quale si invita il lettore a creare, modellare, inventare una nuova calma, nata dall’accettazione della propria fragilità e dalla ricerca costante di una propria dimensione di serenità. [Ica Milano]

Spiega Stipe nel booklet della mostra:

La vulnerabilità diventa un superpotere in questa dinamica. Una mappa che descrive le difficoltà del nostro presente mettendo in luce nuove opportunità e una rinnovata comprensione della nostra importanza, non solo per noi stessi, ma anche per coloro che ci circondano, per le nostre comunità, per il nostro mondo. In questo momento scelgo di concentrarmi sul bene più prezioso, sulla brillantezza, sulla bellezza e sulla giocosità della vita. Ho perso e mi sono perso, ma per ora sto volando alto”.

La mostra è accompagnata da un libro, Even the Birds Gave Pause, edito da Damiani Books e realizzato in collaborazione con Fondazione ICA Milano: trattasi del quarto volume fotografico di Stipe e include “una serie di lavori in divenire che proseguono la sua esplorazione della ritrattistica contemporanea, dell’istinto e dell’astrazione“.


Fonte immagine in evidenza: https://www.flickr.com/photos/kk/2340932764

Scarica questa immagine su: Flickr | Dettagli licenza
Autore: kris krüg 

 

 

 

Scritto da: Skatèna

Rate it

Commenti post (0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

0%